lunedì 12 giugno 2006

Colonna sonora

O come un ladro da quattro soldi

lo butti giù per le scale

perché nel buio non l'avevi visto

ma lo sentivi respirare,

e ti teneva sveglia per ore….

Perché nel buio non lo volevi,

ma ti teneva sveglia per ore…


Regina del tempo

della sabbia e del vetro

della fine di tutti i numeri

e dell'inizio dell'alfabeto,

dimmelo adesso, dimmelo ora

dove posso lasciare il vestito

come posso asciugare la pioggia

che bagna il tappeto.





Correvo incontro a quelle maestose montagne, correvo in quella stupenda mattina di marzo, o forse era aprile. Avevo negli occhi e nel sangue la bella impazienza di chi corre incontro alla vita. Avevo nel cuore la strana inquietudine di un giorno che sembra speciale, di un'eco d'amore.

Nelle orecchie avevo la colonna sonora di chi in queste cose ci crede, di chi non perde la fede che un giorno la vita ci possa portare più in alto, là dove ogni cosa risplende, là dove ogni salto è un salto di gioia ...

E infatti bucai le montagne, e scesi giù al mare: la Ninfa Regina negli occhi, per non molto tempo, negli occhi mi spinsi a guardare. Ero là, era là, quel giorno eravamo nel sole.

Colonna sonora di un giorno, sonora per sempre, che si lascia ascoltare, per chi vuole ancora ascoltare.

(29/03/2006)

4 commenti:

dipcadeave ha detto...

Ed è an cerchio che si chiude sulla musica...

soffio ha detto...

..per chi ha ancora orecchie e occhi per ascoltare...


una colonna sonora ndelebile nel cuore...

Aleteia ha detto...

prorpio oggi ti pensavo Carlo....

niente di grave.. vero?


un abbraccio e un sorriso alla tua dolcezza

Margot

soffio ha detto...

speso ci lasciamo sfuggire ldalle mani le cose più belle, quelle desiderate e sognate da una vita... eppure basterebbe così poco per trattenerle...


un pensiero

Posta un commento