sabato 20 gennaio 2007

Mi sentirò

Non ti vengo a raccontare
delle ossa della mano
che mi fanno male.

Non ti vengo a raccontare
della prostata che preme
e non mi fa orinare.

Non ti sto a dire
come mi sento la mattina
se per alzarmi preferirei morire.

Delle mie pasticche
gli effetti collaterali
non ti starò a narrare

per non farti intristire:
però ti prego
non mi compatire.

Trattami come un uomo,
con affetto
se merito affetto,

con pazienza
se merito perdono:
mi sentirò un po' meno solo.

2 commenti:

bus28 ha detto...

dignità e rispetto

tanto basta...

dipcadeave ha detto...

TUtto parte dall'affetto..

Posta un commento