lunedì 13 agosto 2007

L'importanza di sentirsi equo

Il dolore di entrare nemmeno poi di nascosto ogni giorno nella vita, quello no, non l'aveva considerato.


Non si porta appresso un corpo senza dolore. Che poi sia proprio il corpo a permettere l'esistenza di una coscienza, questo era tutto da dimostrare.


Insomma, ogni giorno si faceva più pesante il compito di aprire gli occhi e affrontare ... la vita. Poteva elencarsi molti doveri. Aveva molte difficoltà a trovare un motivo valido.


Sempre con quella fissazione di voler rendere coerente tutto o quasi tutto. Era questione di equità: un concetto verso il quale è impossibile restare neutri, l'equità o si rifiuta o si abbraccia completamente.


E da lì iniziavano parecchie cose, quasi tutte le scelte che aveva fatto nella vita, quando gli si era presentata l'occasione.

2 commenti:

dipcadeave ha detto...

equo in bilico!

L'importanza è scegliere, molti ragionano,parlano, parlano.. ma non scelgono mai!

bus28 ha detto...

Dicono che si sceglie...e poi si cambia...e poi si sbaglia...e poi si sceglie nuovamente

Posta un commento