domenica 3 agosto 2008

Ella - Parte Prima

Il suo Destino era un clan: un clandestino arrivato da chissadove su una barca chissaquando attraversando l'oltremare. Ella aveva occhi blu oltremare, ma si potevano ammirare in tutto il loro splendore solo al mare, dove il suo sguardo faceva tremare. In quel modo, poteva scegliere in quale dei tre mari tuffarsi. Di solito sceglieva il mare minore, così, per abitudine alla prudenza. Era per lei quasi un rito, anzi un prurito, poiché era allergica a molte cose. Ella ospitò il clandestino nella vecchia casa, giusto il tempo che lui trovasse una sistemazione, una galera o un foglio di via. Larga è la foglia, stretta è la via, un giorno il clandestino non fece ritorno. Poteva essere un mercoledì. Ella pensò che fosse un venerdì, così, per assonanza con Robinson Crusoe. Impara l'arte... Ella pensava invece: impara l'arto, e mettilo da parto. La bambina nacque un po' prima del previsto, per quanto si potesse prevedere in base alla data del concepimento. Ella la chiamò Prima. Per secondo nome volle metterle Parte. Perchè faceva parte ormai della sua vita. E qui finisce la Prima Parte. A seguire si ammireranno Ammiragli, suoneranno sonagli, penderanno pendagli, e tutto il resto, in piccole monetine.

4 commenti:

metaculture ha detto...

Altrettanto poeta, se basta stare in pace !


http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=5499&Itemid=59

utente anonimo ha detto...

E' carina! E' già finita???

Ciao!

Ritama

utente anonimo ha detto...

Non dirmi che la Parte Seconda é un'altra figlia eh!...scherzo...Ciao!

utente anonimo ha detto...

un clan chiamato Desiderio...

Posta un commento