martedì 8 maggio 2012

Stasera

Vedi, stasera riesco anche a cenare da solo senza farmi venire l'angoscia, come succedeva tempo fa. Le cose cambiano. I miei incubi ora parlano di lavoro, quello che non c'è più, e non di un vecchio calato nella tomba senza motivo.

Ero stato male, qualche anno fa. Adesso, no. Non sono malato, sono "cronico". È diverso. La malattia ti coglie all'improvviso, ti toglie le forze, a volte ti uccide. Le cose croniche invece ti fanno compagnia, sempre. Ti tolgono il fiato un giorno alla volta, senza che te ne accorgi. Di certe cose non si guarisce, ci si convive, come certi brutti matrimoni che non si ha la forza di eliminare.

Ogni tanto sento delle voci, ma non vengono dal mio interno: appartengono a gente che ancora cerca di parlare con me. A volte rispondo a tono, a volte no. Qualche volta non rispondo. Magari mi prendono per pazzo: sarebbe una soluzione equa, tutto sommato. Però i pazzi li rinchiudono, tentano di curarli. Meglio di no.

Leggo, scrivo, ma soprattutto penso. È un vizio che ho preso tanto tempo fa, e non so più farne a meno. Non riesco a scrivere tutto ciò che penso. Forse è un bene. Non so se mi piace rileggermi. Solo quando scrivo cose che mi piacciono. Ma non posso saperlo prima di averle scritte. Correggere non è il mio forte. Preferisco buttare.

E un giorno sarò anch'io fra le cose da buttare. Ma non stasera.

3 commenti:

domandedibambu ha detto...

... eh che!

Anonimo ha detto...

Nel cerchio delle stagioni che sempre si rinnovano poche cose importanti sono sempre presenti alla mia anima. Tra queste il tuo vizio di pensare, il tuo modo di coltivare insieme le parole e le immagini della mente, la nostra amicizia (a cui devo molto) seduta sempre lì, con le gambe penzoloni sull'orizzonte o anche "tra un battito e l'altro". Prova a buttare tutto questo...Il lavoro che non c'è...io lo conosco perchè per me non c'è stato per molto tempo, un'assenza che ha reso la mia vita strana, un pò "ritardata", sempre in equilibrio sul filo e sempre sotto ricatto, perfino oggi che il lavoro c'è mentre il sistema tenta di precarizzarlo e precarizzarmi di nuovo. Ma tutto questo non può essere più forte del tuo/nostro vizio di pensare. Sono altre le cose che ci possono lacerare l'anima e schiacciare e io che ci sono passata ho il vizio di pensare che ce la faremo...anche ora. Un bacio
Astrud

Carlo ha detto...

Mia cara Astrud, basta un commento così bello, bellissimo, per farmi sentire ancora il battito del cuore, per farmi sentire che c'è ancora.

Posta un commento