giovedì 29 marzo 2007

Subacquea

Sott'acqua respiro
il fiato corto del vero,
e non perdo il ricordo,
e più non spero.

Verde intorno riflesso
come un raggio che filtra
e non s'infrange
sullo specchio dell'anima.

In fondo tace il rumore
e l'onda diventa docile
carezza d'acqua tiepida
nel mare d'acqua salata e fredda.

Non cerco l'altitudine
d'immani profondità abissali,
non giro in tondo,
non seguo affatto le correnti.

Apro la bocca e aspiro
le altre verità
che non vedrò,
che non saprai che ammiro.

Sommersa l'abitudine
diventerà quel cardine
di ruota e fango e di
infinita libidine.

Fermo rimango,
o nuoto o forse volo
dentro l'immensità
del mio interno Universo.

1 commento:

dipcadeave ha detto...

sei tornato alle origini?

Posta un commento